MATTEO

MAURIELLO

BIOGRAFIA

Nasce a Napoli nel 1985. Nel 2013 si diploma in recitazione all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica “Silvio D'Amico” di Roma con Gabriele Lavia.

 

Durante il percorso accademico incontra e si forma con maestri del calibro di Michele Monetta, Peter Clough (Guildhall School of Music and Drama), m° Antonio Sinagra, Pierpaolo Sepe, Giorgio B. Corsetti, Antonio Latella, Fabrizio Gifuni, Max Farau, Alessandro Fabrizi, Jeffrey Crockett (UCLA), Francesco Manetti, Luciano Colavero, Massimiliano Civica, Ugo Chiti, Roberto Romei, Giuseppe Piccioni, Sergio Rubini, Gabriele Lavia ed il m° Luca Ronconi.

 

Debutta a teatro come attore nel 2002 con il m° Roberto De Simone in “Eden Teatro” di Viviani a Napoli. Parallelamente al teatro si dedica al canto e sempre con il maestro De Simone, con il quale stringe un rapporto professionale continuativo, partecipa a numerosi eventi di rilievo internazionale in qualità di cantante quali, concerti all'Auditorium RAI di Napoli (2011), il “Don Pasquale” di G. Donizetti (2008) al Regio Teatro di San Carlo, il festival “Settembre al borgo” con “Histoire du soldat” di Stravinskij (2007) e nell'ambito della Festa di Piedigrotta a Napoli con “La Funzione del Centenario” (2012) con la partecipazione della Banda dell'Esercito Nazionale Italiano.

 

Dal 2004 canta in qualità di baritono nell'ensemble musicale di Giovanni Mauriello (Nuova Compagnia di Canto Popolare) partecipando a numerosi Festival sia in Italia che all’estero, come Francia, Albania, Grecia, Romania ed Etiopia con il patrocinio della ambasciata culturale italiana.

 

In teatro nel 2006 è diretto da Lorenzo Salveti, nel “Pulcinella e compagnia bella” testo inedito e brillante di Paola Ossorio, che lo vede protagonista assieme a suo padre Giovanni Mauriello, che va in scena a Roma. Nel 2007 è con Luca De Filippo ne “Le voci di dentro” di Eduardo nel ruolo di Luigino Cimmaruta per la regia del m° Francesco Rosi. Lo spettacolo debutta al teatro Argentina di Roma e con grande successo compie una lunga tournée nazionale di due anni toccando i principali teatri stabili d'Italia.

 

Nel 2009 è uno dei cantanti attori protagonisti del riallestimento del musical sul secolo d'oro della canzone classica partenopea “Novecento Napoletano” diretto da Bruno Garofalo che ebbe già un enorme successo nella sua prima edizione soprattutto all'estero e che ha riscontrato di nuovo i favori del pubblico e della critica nella nuova versione con Gennaro Cannavacciuolo e Rosaria De Cicco.

 

Con la De Cicco stringe un rapporto professionale più intenso e sempre nel 2009 è co-protagonista con la stessa della pièce teatrale “Affari illegali di famiglia” scritto e diretto da Emanuela Giordano, che debutta a Roma.

 

Nel 2010 lavora per il Napoli Teatro Festival Italia come co-protagonista in “Diciotto carati” testo inedito di E.A. Skàrmeta con la regia del giovane Giovanni Scacchetti, in scena al teatro Mercadante di Napoli.

 

Lavora inoltre con illustri registi del panorama teatrale italiano come Ugo Gregoretti, Gabriele Lavia, Enrico M. Lamanna, Massimiliano Farau, Massimo Andrei, Francesco Suriano, Angela Campanelli.

 

Nel 2014 lavora con il m° Maurizio Scaparro in “Amerika” di F. Kafka nell'adattamento teatrale dello stesso Scaparro e di F. Malcovati per il Napoli Teatro Festival Italia e poi in tournée nazionale debuttando al Piccolo Eliseo di Roma.

 

Sempre nel 2014 lavora ad un progetto giovanile “From Pinocchio” diretto dal giovane e promettente regista Emiliano Russo, con cui vince il Setkàni Encounter Festival di Brno (CZE) come miglior spettacolo/progetto europeo e miglior regia e partecipa al Festival di Mosca “For your chance”, riscontrando successo di critica e di pubblico.

 

Nel 2015 è al Napoli Fringe Festival con un monologo inedito “Derecho”, ovvero sul piede destro di Maradona, di D. Morganti suscitando molta curiosità fra critica e pubblico.

 

Sempre nel 2015 è diretto da Enrico Maria Lamanna ne “Uno sguardo dal ponte” di Arhur Miller con Sebastiano Somma.

 

I suoi ultimi lavori sono “Cammurriata 2.0 - Storie e canzoni di una paura inesistente” che lo vede protagonista in una pièce teatrale e musicale dal gusto noir, e “Il grande Circo degli Incornati” tutti e due scritti e diretti dal giovane e promettente Davide Sacco. Prossimamente in replica.

2016 ® Matteo Mauriello | Tutti i diritti sono riservati

ENG